Bilancio, Iannella: «Risposte in campo sociale»

Bilancio, Iannella: «Risposte in campo sociale»

Assessore: «Far fronte a emergenza dei più piccoli»

Il bilancio di previsione 2018/2020, approvato in Consiglio comunale lo scorso 27 dicembre, disegna una città al passo con le esigenze sociali del momento storico.

Se il documento finanziario è il frutto della programmazione congiunta dell’assessore Emanuele Losapio, coi vari settori dell’amministrazione, particolarmente soddisfatta è la delegata in Giunta alle Politiche sociali, Maria Iannella. «Il nostro Comune conferma il cofinanziamento al Piano sociale di Zona – fa sapere l’assessore Iannella – con 100mila euro per continuare a garantire servizi come il trasporto disabili scolastico e presso il centro Quarto di Palo di Andria. Oltre all’assistenza specialistica, l’assistenza domiciliare educative, anche extrascolastica, l’erogazione di buoni servizio alle scuole primarie».

Fondi anche per il centro d’ascolto per le famiglie, lo sportello di Via San Pietro n. 6, dove dalla fine dello scorso aprile una equipe formativa e multidisciplinare di esperti guida il percorso riabilitativo dei cittadini che chiedono sostegno. Il servizio è a disposizione ogni venerdì dalle 17.30 alle 19.30. Nei restanti giorni sarà comunque possibile chiamare a tutte le ore il numero 380.3473374. Via e-mail il Consultorio risponde alla casella centroantiviolenza@libero.it.

Ulteriori 106mila euro, per un totale di 206mila, sono destinati al sostegno ai minori: «È questa la vera novità – spiega Iannella – a testimonianza della esigenza del territorio supportata da statistiche e richieste di interventi, di far fronte ad una crescente emergenza che riguarda i più piccoli».

In definitiva, potenziando ove possibile, Iannella annuncia la conferma anche del «contributo per le spese di viaggio affrontate dalle famiglie per le cure di gravi patologie, il contributo a favore di soggetti indigenti, i contributi per canone di locazione a famiglie indigenti con figli minori a carico. L’erogazione di buoni finalizzati all’acquisto di generi alimentari».

Tutto, al fianco di una politica attenta di edilizia sociale, che di recente ha portato alla riassegnazione di 12 alloggi, divisi in 3 palazzine, del primo lotto di riqualificazione del complesso residenziale sociale di Unrra Casas. È la seconda fase di intervento in Viale I Maggio dopo il primo stralcio che ha interessato 60 abitazioni. Poi verrà il terzo step, completando così la riqualificazione complessiva dei 97 alloggi di proprietà dell’Arca Capitanata.

Il previsionale 2018/2020 non dimentica il problema del randagismo ed in genere degli amici a quattro zampe. Necessità di un’area di sgambamento per cani e incessante azione di monitoraggio sul territorio, tra le priorità, in collaborazione con le associazioni del territorio. Ma quest’anno si deve andare oltre: «Stiamo preparando un progetto – spiega Iannella – da candidare ad un finanziamento regionale di circa 300mila euro, per la costruzione di un canile comunale sui suoli di proprietà di Via Castello».