Agricoltura, Minervino: «Sarà un anno di promozione della nostra terra e dei suoi prodotti»

Agricoltura, Minervino: «Sarà un anno di promozione della nostra terra e dei suoi prodotti»

Il vicesindaco: «Ufficio comunale è a lavoro»

Promozione del territorio e dei prodotti della nostra terra. È questo l’obiettivo principale descritto dall’assessore all’Agricoltura, Andrea Minervino, all’indomani dell’approvazione del bilancio di previsione 2018/2020, al quale il Consiglio comunale ha dato l’ok lo scorso 27 dicembre.

«Nei due capitoli dedicati ad agricoltura e promozione dei prodotti tipici – spiega lo stesso assessore e vicesindaco – si proverà a confermare quanto di buono é stato fatto negli ultimi anni. L’ufficio comunale è al lavoro per organizzare corsi per patentini per fitofarmaci, per le macchine agricole e per dare l’opportunità a tutti gli agricoltori di avere un punto di riferimento sul territorio». In questa prospettiva, si inquadra lo sportello informativo per guidare gli imprenditori agricoli verso i finanziamenti dell’Unione europea.

Se nelle attività produttive, il 2018 registrerà l’ampliamento e l’adeguamento del mercato settimanale, non mancheranno le consuete vetrine di partecipazione a 2 importanti eventi: «Olio Capitale a Trieste – ricorda Minervino – , che è la fiera internazionale dell’olio extravergine di oliva. A marzo, come ormai da diversi anni, accompagneremo i nostri imprenditori, come faremo anche a fine anno in occasione di Golosaria a Milano, dove troveranno esposizione anche altri prodotti tipici della nostra terra, come ad esempio i taralli, o conserve in olio evo, vere eccellenze di Trinitapoli».

La promozione passa anche dalla cultura e l’amore per l’agricoltura: «Un momento assai significativo – ricorda Minervino – è la raccolta delle olive, che ad ottobre l’amministrazione ormai da anni svolge e celebra con la collaborazione delle scuole negli oliveti comunali».

Agricoltura e promozione del prodotto tipico, da ormai 12 anni significano Sagra del Carciofo. «Necessario potenziare l’evento – sottolinea il vicesindaco -, riconosciuto ormai su tutto il territorio provinciale e anche regionale. La sagra di novembre celebra uno degli prodotti principali del Basso Tavoliere: il carciofo violetto. Ogni anno la kermesse si arricchisce e richiama maggior pubblico anche dal circondario, attraverso una formula dinamica ed in crescita. Continueremo in quella direzione, in sinergia con le associazioni, gli imprenditori e con gli Enti che operano nel settore». In programmazione c’é un evento collegato al vino, in collaborazione con il Gal Daunofantino.