Sport estremi: Maurizio Zavatta prepara a Trinitapoli i prossimi mondiali in Cina

Italo-australiano stuntman e campione iridato di wire running

Storia di una vita vissuta – è il caso di dire – quasi sempre sul filo andando spesso ben oltre limiti umani. È una vita spericolata per molti. Non per lui. Non per Maurizio Zavatta, stuntman professionista di origini italiane, nativo di Pompei, che vive in Australia e si sta allenando in questi giorni a Trinitapoli. Pratica sport estremi in generale da vent’anni. Tre anni fa, quando è nato il wire running, ha deciso di praticare anche questa disciplina, di cui è campione del mondo in carica (titolo vinto in Cina nel 2017)

Sa emozionarsi e sa emozionare i suoi numerosi fan in tutto il mondo Maurizio Zavatta, sette volte Guinness World Record con primati attualmente imbattuti: ha attraversato, ad esempio, il canyon cinese e si è lanciato da un aereo all’altro con vestito alare. Tra un anno, inoltre, sarà il primo italiano di sempre ad attraversare lo stretto di Messina su un cavo di acciaio. L’atleta originario della Campania, in pratica, convive ormai con il brivido e non ha paura del rischio.

Non mancano consigli di Zavazza per chi vuole avvicinarsi agli sport estremi.

Zavatta, l’unico italiano al mondo a praticare questo sport, ha scelto la Puglia e Trinitapoli per preparare i mondiali di wire running, in programma il 24 ottobre a Wencheng, in Cina. Nell’occasione sarà chiamato a difendere il titolo iridato.

Nel servizio, l’intervista.