Negozi h24 chiusi dalle 20 alle 6 e controlli per le vie cittadine. È quanto disposto dall’ordinanza che il sindaco Emanuele Losapio ha firmato ieri, come misura di contrasto alla diffusione del Covid-19. L’amministrazione comunale chiede la collaborazione della cittadinanza nel rispetto delle regole.

I distributori automatici, presso i quali non è possibile monitorare eventuali pericolosi assembramenti, dovranno restare chiusi nelle ore serali e notturne, per poi riaprire la mattina.

Parallelamente, continuano le operazioni di controllo della Polizia locale presso i luoghi pubblici di aggregazione e presso i locali, che dal Dpcm del 12 ottobre scorso possono restare aperti fino alle 24 (e riaprire alle 5 del mattino), ma dalle 21 possono somministrare cibo e bevande soltanto ai tavoli. Il tutto, al fine di evitare sosta incontrollata davanti agli esercizi, e quindi mancato rispetto della distanza anti-contagio.

Ai gestori dei locali ed agli avventori, l’amministrazione comunale chiede collaborazione, perché tra chiusura totale e vita normale c’è la via intermedia del rispetto delle regole: «Le eventuali sanzioni non sono una punizione personale – precisa l’assessore alle Attività produttive, Sabrina Fiorentino – ma sono una necessità contingente, per evitare contagi ed ulteriori misure restrittive. Pertanto l’invito è a non rinunciare alle serate tra amici, ma indossando sempre ed opportunamente la mascherina davanti ai locali. Evitando assembramenti e restando in sicurezza, renderemo un servizio a noi stessi, agli esercenti ed all’intera comunità».